Contraccezione

Pillola

La pillola contiene due ormoni di sintesi (estrogeni e progestinici). Esistono diversi tipi di pillola a seconda della natura degli ormoni di sintesi usati e dei loro dosaggi.

Deve essere presa tutti i giorni, per 21 giorni, generalmente a partire dal primo giorno del ciclo mestruale; è preferibile assumerla la sera o la mattina, sempre nello stesso momento della giornata. L’assunzione si interrompe poi per 7 giorni e questo provoca un sanguinamento simile alle mestruazioni. Qualunque sia la durata del sanguinamento, dopo 7 giorni di interruzione si deve ricominciare l’assunzione della pillola.

Anello

Tra gli attuali contraccettivi ormonali troviamo l’anello vaginale, il quale sicuramente risente meno del rischio di dimenticanze o ritardi di assunzione, delle variazioni dell’assorbimento intestinale e permette inoltre di assumere dosaggi bassi pur mantenendo un buon controllo del ciclo. La dose di ormoni rilasciata e assorbita dalla mucosa vaginale si mantiene costante nel tempo.

L’anello va inserito in vagina e rimosso direttamente dalla donna, lo stesso giorno della settimana in cui era stato inserito. Ad esempio, se l’anello viene inserito il lunedì intorno alle 22.00, deve essere rimosso di nuovo il lunedì della terza settimana successiva all’incirca alle ore 22.00. Questo va mantenuto per 3 settimane, a cui segue una settimana di intervallo libero da anello, durante la quale compare la pseudomestruazione. Nel caso in cui l’anello venga accidentalmente espulso, esso può essere lavato con acqua fredda o tiepida e deve essere reinserito immediatamente.

La maggior parte delle donne e degli uomini dichiarano di non percepire differenze durante un rapporto, durante il quale non è mandatorio togliere l’anello contraccettivo. In caso si preferisca rimuoverlo, sarà poi sufficiente reintrodurlo in vagina al termine del rapporto.

Cerotto

È un contraccettivo ormonale a basso dosaggio ed ha la particolarità di essere assunto per via cutanea.

Quando si applica il cerotto bisogna fare attenzione che la cute sia sempre pulita, asciutta, non usare creme, oli o talchi e che la zona dove deve essere posizionato non presenti microlesioni. Può essere collocato sui glutei, sul braccio e spalla, sulla parte bassa dell’addome, tranne che sul seno.

Si utilizzano tre cerotti al mese, con cambio settimanale (tutti i cerotti si applicano e si rimuovono lo stesso giorno della settimana). Ogni volta che si applica un cerotto nuovo, per evitare l’irritazione della cute, bisogna cambiare posizione. Il primo cerotto si applica il primo giorno del ciclo e, dopo tre settimane, si fa una settimana di pausa senza cerotto.

Dispositivo Sottocute

Il contraccettivo sottocutaneo, a lungo termine, è a base di solo progestinico ed efficace per un periodo di 3 anni. Trascorso questo termine, deve essere rimosso e può essere eventualmente subito sostituito con un nuovo impianto.

Consta di un bastoncino morbido e flessibile, che viene inserito sotto la pelle del braccio dal ginecologo, ambulatorialmente. È un metodo discreto, la maggior parte delle donne non è in grado di vederlo dopo l’inserimento, ma premendo delicatamente le dita sul punto di inserimento, normalmente si percepiscono le estremità dell’impianto.

I.U.D. o Spirale

È un piccolo oggetto in plastica, lungo 3-5 cm., inserito dal ginecologo all’interno dell’utero attraverso il canale cervicale. Ne esistono di varie dimensioni, forme e materiali. La maggior parte è ricoperta da un sottile filamento di rame, alcune contengono ormoni e vengono chiamate spirali medicate.

L’inserimento è effettuato dal ginecologo durante il flusso mestruale e dura solo pochi minuti. All’estremità dello I.U.D. è attaccato un sottile filo di nylon che fuoriesce per un breve tratto dal canale cervicale; per assicurarsi che lo I.U.D. sia al suo posto, la donna può toccare il filo sul fondo della vagina. È necessario, comunque, un controllo del ginecologo dopo la prima mestruazione, dopo tre mesi dall’applicazione e, in seguito, ogni sei mesi o ogni anno. La rimozione dello I.U.D. è semplice e non è dolorosa: è sufficiente, infatti, che il medico faccia trazione sul filo per estrarre il dispositivo. È importante che la donna non cerchi di farlo da sola.

È un metodo molto efficace e, una volta inserita, svolge un’azione contraccettiva permanente per anni. La donna non si accorge di averla e l’uomo non percepisce la sua presenza durante il rapporto sessuale.

In questa pagina